Archivi categoria: Stampa

Rassegna Stampa

Giornale di Merate

“La decisione era stata presa dai nostri predecessori”. Perdonateci, ma gli assessori dell’ex sindaco Roberto Colleoni, che ora sono stati eletti anche con Michele Pellegrini, prima non c’erano?? Per la serie, prendere le distanze da sé stessi…😂. #caluscounita

Giornale di Merate

“Noi eravamo contrari al ritiro della fideiussione. È stato fatto un favore a Italcementi, perché se non fosse stata ritirata si poteva tenere l’azienda vincolata a un patto e dialogare per trovare una soluzione. Ritirando la fideiussione Italcementi ha ottenuto uno sconto, dato che lo scalo ferroviario sarebbe costato oltre un milione di euro. Come investire la fideiussione? Chiediamo una progettualitá di mitigazione ambientale seria e non legata a piccole opere fini a sé stesse.” Nell’articolo la nostra posizione sulla questione fideiussione Italcementi.

Giornale di Merate

Al piano di diritto allo studio abbiamo votato contrari. Troppe poche le risorse e nell’elaborazione del Piano è mancato il confronto con la scuola. Chiediamo, a tal proposito, che venga ripristinato il tavolo di confronto tra Amministrazione e Scuola, che non viene convocato ormai da nove anni. In merito alla riduzione del buono pasto, ci teniamo a precisare che lo sconto di 20 centesimi è previsto sul terzo figlio (e non sul secondo, che paga prezzo pieno). Una riduzione al quanto ridicola…

Giornale di Merate

Insoddisfacente la risposta dell’amministrazione alla nostra interrogazione sui lavori svolti in via San Rocco e via San Giuliano. Come previsto dal PGT, le piste ciclabili si sarebbero dovute realizzare in concomitanza con i lavori di riqualificazione delle due vie, ma così non è stato. Un’occasione sprecata! Quando si prevedono dei lavori con il PGT questi vanno realizzati nell’interesse dei cittadini.

Giornale di Merate

Sulla razionalizzazione di Unica Servizi abbiamo votato a favore chiedendo, però, delle modifiche: un rappresentante di Calusco nel consiglio di amministrazione di Unica e l’elaborazione di un piano industriale serio per società. Non basta dire no, come ha fatto Per Calusco, ma serve dialogare con i comuni.