Tutti gli articoli di Calusco Unita

Giornale di Merate

Al piano di diritto allo studio abbiamo votato contrari. Troppe poche le risorse e nell’elaborazione del Piano è mancato il confronto con la scuola. Chiediamo, a tal proposito, che venga ripristinato il tavolo di confronto tra Amministrazione e Scuola, che non viene convocato ormai da nove anni. In merito alla riduzione del buono pasto, ci teniamo a precisare che lo sconto di 20 centesimi è previsto sul terzo figlio (e non sul secondo, che paga prezzo pieno). Una riduzione al quanto ridicola…

Giornale di Merate

Insoddisfacente la risposta dell’amministrazione alla nostra interrogazione sui lavori svolti in via San Rocco e via San Giuliano. Come previsto dal PGT, le piste ciclabili si sarebbero dovute realizzare in concomitanza con i lavori di riqualificazione delle due vie, ma così non è stato. Un’occasione sprecata! Quando si prevedono dei lavori con il PGT questi vanno realizzati nell’interesse dei cittadini.

Giornale di Merate

Sulla razionalizzazione di Unica Servizi abbiamo votato a favore chiedendo, però, delle modifiche: un rappresentante di Calusco nel consiglio di amministrazione di Unica e l’elaborazione di un piano industriale serio per società. Non basta dire no, come ha fatto Per Calusco, ma serve dialogare con i comuni.

DICHIARAZIONE DI VOTO E PROPOSTA al punto n° 9 c. comunale del 26/9/2017

Approvazione convenzione per la gestione del contratto di locazione da destinare a sede per il centro dell’impiego mediante delega al comune di Ponte S. Pietro

Sull’approvazione della convenzione in sé esprimiamo parere favorevole per procedure e scelte effettuate da tempo che riflettono per altro anche disposizioni legislative.

Il Centro dell’impiego ha ruoli fondamentali nella costruzione di politiche passive (incentivi) e di politiche attive (formazione e iniziative di sviluppo) inerenti il lavoro. L’ attività comunale in tale senso può svilupparsi sia in raccordo con i Centri dell’impiego sia con una propria autonomia politica ed organizzativa ( progetti che coinvolgano Enti e strutture pubbliche ecc.); progetti capaci di rivolgersi al mondo del lavoro nelle sue diverse espressioni (lavoro dipendente, lavoro autonomo, imprese in forma singola e associata).

Vorremmo invece cogliere l’occasione per entrare nel merito dell’aspetto politico programmatico riguardo il tema e verificare se uno strumento come la Convenzione può essere trasformato in occasione per una riflessione programmatica più ampia e concreta sui temi del lavoro e su di un  possibile indirizzo per politiche attive.

Il tema é di vitale importanza e richiede atteggiamenti che puntino, nei imiti del possibile, a superare divisioni e incrostazioni di parte. É un tema che richiede confronti e riflessioni in grado di andare oltre le divisioni politico/ideologiche, ovviamente se possibile.

Per questo proponiamo la formazione di una commissione di scopo composta da maggioranza e minoranza che proponga un progetto al c.comunale quindi all’Amministrazione.

Del resto i due programmi elettorali, seppur in misura diversa, ne parlavano.

Il capogruppo di Calusco Unita

Fabio Colleoni

Primo Consiglio Comunale

Ringraziamo gli elettori e tutti i sostenitori di Calusco Unita per il supporto dimostrato durante la campagna elettorale. Ricambieremo la vostra fiducia rappresentandovi con impegno nel nostro ruolo istituzionale.
Partendo da un’ analisi delle trasformazioni sociali in essere che hanno portato a sentimenti di insicurezza e di sfiducia diffusa nei cittadini, Calusco Unita ha presentato un programma che rimette al centro la persona.
La persona con le sue esigenze, le sue fragilità, le sue paure che deve sentirsi parte di una comunità unita e solidale.
Partendo da questo principio il programma di Calusco Unita vuole cambiare la prospettiva del progetto di costruzione del domani di Calusco d’Adda.
Oggi non esistono piu’ settori di vita scissi l’uno dall’altro. Scuola, cultura, lavoro, ambiente, territorio e sicurezza si intrecciano e richiedono interventi coordinati per rendere piu’ vivibile il paese e favorire la crescita di una cittadinanza attiva e partecipativa.
Vogliamo che Calusco non si trarformi in un semplice dormitorio come sta accadendo un po’ in tutte le periferie. Vogliamo che si riscoprano valori comuni e l’identità del paese, per questo puntiamo molto sulla scuola, sulla formazione e sulla crescita dei nostri ragazzi.
Prendendo atto dell’affluenza a questa tornata elettorale, in netto calo rispetto alle precedenti amministrative, vogliamo che si riscopra il valore della democrazia e della politica finalizzata al bene comune.
Noi come Calusco Unita vogliamo impegnarci lavorando in questi anni per accrescere la conoscenza, l’interesse e la partecipazione dei cittadini.
La nostra presenza in Consiglio Comunale sarà attiva, propositiva e al tempo stesso critica laddove sarà necessario.
Terremo aperti tutti i canali di confronto, organizzeremo iniziative di approfondimento, informazione e ascolto rivolte alla cittadinanza e a tutte le realtà del territorio.
Porteremo avanti il nostro progetto che vuole restituire al cittadino il suo ruolo da protagonista.
CALUSCO UNITA è nata ed è VIVA. Ora deve crescere assieme ai cittadini!

I Consiglieri Comunali di Calusco Unita

Candidati in gioco!

Questa domenica 28 maggio, nella splendida cornice del Parco “Falcone e Borsellino”, cuore della contrada Capora, Calusco Unita organizza un pomeriggio interamente dedicato ai bambini e alle famiglie! Dalle 15.30 e per tutto il pomeriggio gonfiabili, zucchero filato, intrattenimento per bambini e merenda per tutti! Vieni a passare un bella domenica pomeriggio con noi! Sarà l’occasione per conoscere ulteriormente tutti i nostri candidati e la squadra di Calusco Unita! #caluscounita

FABIO COLLEONI

Costruire il domani

Questa affermazione che accompagna il simbolo della lista che mi sostiene ha un significato profondo per me.

Ho sempre dedicato il mio tempo alle attività sociali e amministrative, cercando di essere utile alla mia comunità. Non mi sono mai fatto incantare da possibili carriere politiche. Non mi interessa.

Cresciuto come volontario nel Gruppo Caritativo Missionario, ho svolto ruoli amministrativi nel nostro Comune come assessore e come consigliere. Conosco bene la macchina amministrativa e conosco bene il nostro paese.

E quando mi hanno chiesto di candidarmi a Sindaco, dopo una prima perplessità, ho accettato con entusiasmo perché a chiederlo erano soprattutto giovani. Perché è a Calusco che vivo e da sempre risiedo con la mia famiglia ed è qui che mi sento parte di una comunità.

Se mi darete fiducia, svolgerò questo compito con spirito di servizio, come sempre, cercando di mettere la mia esperienza a disposizione dei giovani e di tutti i cittadini di Calusco.

Tanti mi stanno affiancando nella costruzione di un progetto in cui Calusco e soprattutto gli abitanti di Calusco siano al centro: la persona, cuore della comunità.

Mi conoscete, non potrei comportarmi diversamente.

Un progetto che mette al centro la persona è per molti versi rivoluzionario per Calusco che in questi anni si è fortemente impoverita sul piano sociale e culturale.

Mettere al centro la persona vuol dire fare scelte importanti, in materia urbanistica, viabilistica, ambientale. Vuol dire pensare a come la nostra comunità si possa sviluppare generando posti di lavoro. Vuol dire comprendere l’immigrazione, gestirla e trasformarla in integrazione, nel rispetto delle tradizioni, della cultura e del territorio.

Vuol dire pensare a Calusco parte integrante dell’Isola, protagonista di una crescita armoniosa, progettata con attenzione, in modo condiviso e non imposto.

Vuol dire credere nella scuola come fulcro della crescita della comunità, vuol dire pensare alla famiglia e ai singoli nelle diverse età e fasi della vita, pensando agli anziani come risorse e non come a un problema.

Vi aspetto per raccontarvi come vorremmo migliorare il nostro paese. Seguitemi negli incontri, sul sito, su facebook. Fermatemi per strada e ditemi la vostra. Il domani di Calusco lo costruiremo insieme.